Febbraio 2018: le condizioni del cimitero di Castelfranco di Sotto

Vota

 

Quando manca persino il rispetto per i vivi, figuriamoci la considerazione che viene data ai morti. Ormai i cittadini di Castelfranco sono così abituati al degrado che non ci fanno più caso. I giardini, il centro storico, le strade e i marciapiedi sono lasciati andare senza un minimo di manutenzione.  Anche i cimiteri non sono esenti da questa piaga, come più volte abbiamo denunciato in questi anni e anche sollecitato come opposizione in consiglio comunale. La risposta sono i previsti lavori, indicati in ogni bilancio previsionale degli ultimi anni ma, poi puntualmente non realizzati e rimandati all’anno successivo. La mancanza dei lavori anche di piccola manutenzione, sono evidenti a tutti e li riportiamo in questo articolo datato 6 febbraio 2018 proprio per testimoniare come ancora oggi siamo a parlare delle stesse problematiche non risolte. Problematiche che sono state tralasciate e sono diventate sempre più complesse da risolvere. Come visibile dalle foto, adesso i danni sono ingenti e c’è il rischio di perdere irreparabilmente l’antica struttura dello storico edificio.

Anni fa furono rubate le grondaie i rame, sostituite con quelle in plastica, senza però completarle con le calate. L’ acqua, pertanto sgronda sopra alcune tombe. Già ad ottobre 2017 alcuni cittadini hanno fatto presente all’amministrazione lo stato di abbandono della parte storica: http://www.ilcuoioindiretta.it/castelfranco-s/item/55764-grondaie-staccate-e-rubinetti-rotti-il-cimitero-fa-acqua.html ma come sempre la saccente risposta rimanda al mittente le accuse. http://www.gonews.it/2017/10/28/danni-al-cimitero-castelfranco-non-incuria-disattenzione-del-comune/.

Purtroppo le amministrazioni di centro sinistra degli ultimi anni, sono rinomatissime per l’arte del taglio del nastro ma poco dedite alle manutenzione e alla preservazione dei beni pubblici, forse perchè tali azioni sono poco d’impatto da un punto di vista politico e mediatico.

A distanza di 4 mesi da quella segnalazione, nulla è stato fatto, con conseguente peggioramento della struttura. Come possiamo notare dalla prima foto qui sotto la grondaia è stata piegata (forse per un tentativo di furto) e 2 tegole sottostanti sono state rotte con conseguente infiltrazione di acqua nella volta sottostante, generando pericolose crepe e umidità in quest’ultima.

Umidità e muschio sulle pareti e sui pianerottoli delle scale:

In fine il pericoloso parapetto che si trova al 1° e 2° piano dell’edificio non ci sembra a prova di bambino. Non vogliamo nemmeno pensare cosa potrebbe succedere.

Concludiamo, sollecitando un intervento per recuperare il danno e rimettere in sicurezza e decoro la struttura cimiteriale. In fondo tra poco ci sono le elezioni politiche ed il prossimo anno le elezioni comunali per cui la nostra amministrazione coglierà sicuramente l’occasione per una “inaugurazione elettorale” della nuova sezione ma, ci auguriamo che non nasconda la polvere sotto il “tappeto nuovo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *