Strani movimenti in consiglio

Vota

 

Vogliamo segnalare un episodio singolare accaduto sempre nel consiglio comunale di martedì 17 Ottobre.

Il consigliere Turini Graziano ex sindaco, ex assessore provinciale, ex presidente Domus,  … non sappiamo quanti ex. ancora abbia nel suo curriculum e di ciò ce ne scuserà ma neo esponente di Art.1 MDP dopo la sua fuoriuscita dal PD; durante una importante votazione esce di soppiatto dall’aula lasciando tutti  gli altri consiglieri di maggioranza l’onere di una scomoda votazione.

Il punto all’odg era le dismissioni del comune dalle partecipate  in base alla cosiddetta  legge Madia.

Senza entrare troppo  nei tecnicismi la legge prevede l’uscita degli enti pubblici da determinate società che offrono sevizi per conto di tali enti, qualora non rispettino taluni requisiti.

Correttamente il consigliere Turini faceva  notare che in generale votare positivamente qualsiasi delibera in consiglio significa assumersene ogni genere di responsabilità, non solo politica ma anche legale e penale qualora la delibera violi determinate norme.

Nello specifico, l’osservazione del consigliere,  ipotizzava che qualora la dismissione aggravasse il costo per  il comune nell’espletare  in autonomia un determinato servizio i consiglieri potrebbero essere passibili di una denuncia per danno erariale.

La delibera così come proposta non piaceva al consigliere che già in commissione minacciava di uscire dall’aula prima della votazione.

La sollevazione del problema in consiglio (molto strano che non ne avessero parlato nella riunione di maggioranza) ha generato un po’ di nervosismo tra i consiglieri tanto che, dopo una lunga discussione fuori microfono e quindi senza nessuna verbalizzazione né senza che il sindaco sospendesse la seduta, l’assessore Nardinelli rivolgendosi  in modo a nostro avviso irrispettoso verso il ragioniere dott. Cerretelli lo redarguiva per non aver escogitato un modo per tutelare i consiglieri … veramente assurdo ed illegittimo.

Estratto dalla delibera

A parte questo nonostante le modifiche alla delibera originale scaturite dalle discussioni  che pareva aver rasserenato il clima il consigliere all’atto del voto è uscito e personalmente questo comportamento fossimo stati  dalla parte dei nostri colleghi ci avrebbe molto indispettito.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *