Waste Recycling 2 incendi in poco più di un anno e non solo…

Vota

Feuerwehr in Aktion

Prima di apprendere dai giornali la notizia dell’incendio della Waste del 10 settembre, i nasi (e  ancor peggio i polmoni) degli abitanti di castelfranco avevano intuito che nell’aria qualcosa non andava.

Un puzzo tipo gomma bruciata ha invaso il paese già dalle prime luci dell’alba, attanagliando la zona per tutta la giornata, rovinando così un bel pomeriggio di sole a tutti i cittadini.
Forse pochi si ricordano che anche l’anno scorso un fatto analogo interessò la solita azienda considerata il fiore all’occhiello per lo smaltimento dei rifiuti nella nostra zona.
Visti i precedenti, molti si chiedono perché quell’azienda che investe tanto in pubblicità, si trovi periodicamente coinvolta in incidenti e maleodoranze. La sicurezza degli impianti e la valutazione del rischio, dovrebbero essere aspetti prioritari per un azienda che opera in un settore così delicato.
Che cosa è accaduto e perché i cittadini di Castelfranco devono subire danni, disagi e pericoli?
In seguito all’incendio, il Comune ha consigliato di non mangiare frutta e verdura  e di lavare di nuovo i panni stesi per un raggio di 600 metri dall’incendio. Vicino alla fabbrica ci sono campi coltivati, che speriamo verranno rimborsati dall’azienda per il danno subito. I prodotti agricoli nei campi che fine dovrebbero fare?
Di seguito la lista degli articoli che abbiamo trovato riguardo a incidenti di impianti rifiuti degli anni passati:
10 settembre 2016

Incendio di rifiuti, i sindaci ai cittadini: “Non mangiate ortaggi”


04 agosto 2015

Esplosione alla Waste Recycling: incendio senza feriti


12 luglio 2011

Rifiuti in fiamme alla Ecolevante


 24 novembre 2008

In fiamme una vasca di depurazione alla Waste Recycling


Un articolo del Sole 24 Ore su cui riflettere:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *