Interpellanza Sicurezza

Vota

logo-pdf_0-e1400486553733

 Interpellanza sicurezza

Ai sensi dell’art. 5 e art.46 del regolamento per le adunanze del Consiglio Comunale

Oggetto: Interpellanza sicurezza a carattere urgente secondo art. 5 comma 2 del regolamento comunale.

Premesso che:

            In data 30 giugno 2015 si ha conoscenza di un gravissimo atto: il danneggiamento dell’automezzo di proprietà del Parroco della nostra parrocchia;

            Non è la prima volta che il Sacerdote è vittima di episodi simili: qualche tempo fa, egli fu vittima di una brutta aggressione verbale;

            Nei giorni precedenti, poi si sono verificati episodi spiacevoli all’Orto di San Matteo, schiamazzi notturni e infrazioni di vario genere perpetrati in quella zona ed irrispettosi del rispetto e della tranquillità altrui. Episodi documentati in articoli di giornale e tramite denunce dei residenti anche sui social network.

Considerato che:

Sembra che il fatto sia seguente al rimprovero fatto dal parroco esasperato, nel cuore della notte, verso un gruppo di giovani di varie età che disturbavano con schiamazzi le strade e la piazza limitrofa alla sua abitazione. Se così fosse, l’episodio di per se grave, assumerebbe un valore ancor più grave perché interpretabile come una sorta di vendetta diretta  o minaccia a chi, vedendo lesi i propri diritti personali, tenta di difendersi.

In data 04 dicembre 2014 si è tenuto un consiglio comunale aperto all’interno del quale con i cittadini è stato affrontato il problema emergendo proposte da quest’ultimi;

In data 14 luglio 2015, il Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle aveva presentato una mozione atta a fare approvare le proposte emerse nel sopracitato consiglio comunale aperto. La Mozione era stata approvata con Delibera di Consiglio N. 32 DEL 14/07/2015, ma a tutt’oggi nessun azione in tal senso è stata messa in atto dalla amministrazione.

In data 21 giugno 2016 leggiamo sulla stampa in riferimento alla situazione dell’Orto di San Matteo, è comparsa una frase attribuibile a codesta amministrazione: “Sinceramente la situazione sembra migliorata rispetto al passato”

Riteniamo che:

-Una buona amministrazione non si debba limitare solo a condannare gesti sconsiderati come quello sopracitato o a minimizzare le impressioni e i disagi lamentati dai propri cittadini.

-Dopo anni ed anni di lamentele e denunce, una buona amministrazione, si debba interrogare SULLA BONTA’ ED EFFICACIA DELLE POSIZIONI ASSUNTE e con forte autocritica cercare di porre IMMEDIATO RIMEDIO ALLE PROPRIE MANCANZE CON AZIONI CONCRETE.

Questo nuovo episodio abbia pericolosamente alzato l’asticella ad un livello superiore, dimostrando l’impotenza e l’inefficacia di chi avrebbe il compito di garantire la sicurezza e la legalità nel territorio. A ciò si aggiunge il disagio e la generale preoccupazione dovuti alla crisi economica che ha visto incrementare i fenomeni di piccola criminalità nel territorio.

 Si chiede a chi in indirizzo:

 Di illustrare che cosa è stato fatto negli ultimi anni per arginare questo problema, se sono stati presi dei provvedimenti ufficiali nei confronti di persone che hanno commesso infrazioni o chi per loro;

Di illustrale le motivazioni della mancata messa in opera delle risoluzioni prese nel Consiglio Comunale del 14 Luglio 2015 e di porre in atto tali impegni.

Di illustrare se e che cosa vorranno fare esattamente e con un CRONOPROGRAMMA CERTO DI ATTUAZIONE dei provvedimenti, sempre ammesso che ritengano che il problema sussista.

 Gruppo Consiliare Movimento 5 stelle

Cristina De Monte

Luca Trassinelli

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *