Piange il telefono….perchè non risponderà….

Vota

GRU E MNIONS

Dalla notte del 20 aprile 2016, sono iniziati nuovi fenomeni di Maleodoranze che sono proseguite nei giorni successivi, e alcuni cittadini hanno lamentato ancora dellle difficoltà a fare delle segnalazioni.

Per i cittadini che sentono maleodoranze:

-ARPAT è attivabile h 24, per le emergenze ambientali, attraverso la Sala Operativa della Protezione Civile (SOP) di Firenze; tale struttura può essere contattata unicamente dalle forze di Polizia e dalle Istituzioni nei casi che siano ritenuti necessari.

Per le segnalazioni che non richiedono un intervento immediato, i cittadini possono utilizzare i seguenti canali:

il numero verde gratuito di ARPAT 800 800 400 attivo dal lunedì al venerdì in orario 9,00-13,00 e dal lunedì al giovedì in orario 14,00-18,00;

la casella PEC indicato per chi ha una casella mail PEC arpat.protocollo@postacert.toscana.it ;

la casella mail ordinaria urp@arpat.toscana.it presidiata in orario di ufficio.

Ai molti castelfranchesi che hanno percepito le maleodoranze, è però noto che esse hanno prevalente origine serale e notturna mentre frequentemente si dissolvono al mattino.

Per questo avevamo chiesto in consiglio comunale la possibilità di estendere il servizio di risposta per le segnalazioni di intervento anche per le ore notturne ed il fine settimana.

La proposta non è stata accolta per cui:

resta una unica possibilità per segnalare i fenomeni notturni: chiamare le autorità cittadine! 

Gli unici ad avere il numero per le emergenze ambientali sono il Sindaco e gli Assessori oltre alla Polizia Municipale, per cui a logica essi dovrebbero essere reperibili 24 ore su 24 per essere contattati.

In questo momento il servizio non è sufficiente.

Primo perchè non tutti i cittadini hanno i loro numeri di telefono:

Secondo perchè non è chiaro a chi dobbiamo rivolgerci qualora essi siano via.

Per un vero servizio h 24 dovrebbero rendere pubblici i loro recapiti oppure fornire un numero apposito che assicuri la reperibilità richiesta.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *