Il Referendum in Toscana è… vietato per legge!

Vota

democrazia-italia_530X0_90-copia

Chi credeva e crede che in Toscana la volontà del popolo prevalesse e prevalga sugli interessi della Casta Politica del PD è bene che se ne faccia una ragione: la democrazia non c’è!
Il Collegio di Garanzia a Luglio 2015 aveva ammesso il Referendum per abrogare la Legge di riorganizzazione Sanitaria. Per la sua indizione furono raccolte ben 55.614 firme in pochissime settimane. Le firme furono consegnate in data 4 Novembre del 2015. Rossi e la Saccardi alla notizia tremanti e terrorizzati dalla inevitabile sconfitta referendaria, hanno posto in essere tutte le azioni loro consentite pur di impedire ai Cittadini di esercitare il diritto al voto.
In meno di 15 giorni hanno approvato in Giunta uno straccio di proposta di legge ed hanno imposto al Consiglio regionale di approvarla in meno di un mese.
Per la prima volta in Toscana è stata approvata una Legge Anti- referendum.
Ben sapendo che la Corte Costituzionale e lo stesso Statuto, in tali casi, consentono di proseguire il Referendum, i sopra citati Rossi e Saccardi hanno compiuto “L’omicidio Politico” del Referendum anticipando la scadenza del precedente Collegio di Garanzia (che aveva ammesso il quesito) e nominandone uno nuovo ad immagine e somiglianza.
E’ di queste ore la notizia che sta per essere firmato il Verbale con il quale il nuovo Collegio di Garanzia dichiarerà improcedibile il Referendum.
Il popolo in toscana non conta più nulla, conta solo la sopravvivenza di una Casta sempre più padrona!
Il Comitato referendario, sta attendendo di conoscere le motivazioni certamente “dotte ed intelligenti” per rivolgersi al TAR.
Chi agisce contro le istanze dei Cittadini merita una sola considerazione: VERGOGNA!
I Delegati del Comitato Referendum
Giuseppe Ricci
Valerio Bobini

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *