ADESSO CHE C’È IL M5S LA MUSICA È CAMBIATA!

Vota

561435_10154526521784478_3538499498337194036_n

Delle forze di opposizione solo il M5S era presente all’assemblea di Retiambiente convocata (manco a farlo apposta) proprio lo scomodissimo 28 Dicembre 2015 in sede ordinaria e straordinaria per deliberare l’aumento di capitale della società con il conferimento delle aziende partecipate dei Comuni che in fretta e furia hanno fatto i consigli comunali sotto Natale.

Ma come possono fare un’assemblea straordinaria con un Amministratore unico dimissionario?

L’Amministratore unico di Retiambiente è dimissionario e dal 19/06/2015 è in regime di prorogazio (art.2385 comma 2 codice civile) e può compiere solo atti di ordinaria amministrazione.

Il Collegio Sindacale dov’era? Come vigila?

Il Collegio Sindacale avrebbe dovuto rilevare che in sei mesi non si è provveduto alla convocazione dell’assemblea dei soci per la nomina del nuovo Amministratore unico, un’inerzia ingiustificabile.
Ma non basta, anche per l’assemblea in seduta ordinaria del 28/12/2015 non si parla nell’ordine del giorno di nomine ma genericamente di comunicazioni da parte dell’Amministratore unico e delibere conseguenti e questo è un vizio di convocazione che può determinare l’annullamento delle deliberazioni che verranno prese.

Ed i nostri Amministratori, i nostri Sindaci presenti?

Preso atto che la seduta straordinaria non era convocabile dall’Amministratore unico dimissionario e che la nomina del nuovo Amministratore non era possibile per un vizio di convocazione, hanno comunque proceduto nel deliberare il nuovo Amministratore e proseguito in seduta straordinaria per deliberare la ricapitalizzazione di Retiambiente con il conferimento delle società partecipate dai comuni (tra cui Geofor).

Dov’erano le altre opposizioni?

Il M5S si oppone perché crede nel rispetto delle norme che regolano la nostra società civile e perché la noncuranza dei nostri Amministratori ci sta portando verso un gestore unico dei rifiuti entrando a far parte di Retiambiente con uno 0,% che non gli permetterà di dare voce alle esigenze dei loro cittadini che si vedranno passare sopra la testa senza possibilità di avere un interlocutore variazioni di tariffe e di modalità di raccolta conferimento e smaltimento dei rifiuti, possibile che la cosa interessi solo noi? O c’è molta impreparazione tra le altre forze che vorrebbero candidarsi come alternativa?

A fine assemblea il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin dopo aver fatto riferimento al suo intervento precedente (di cui mettiamo a disposizione il filmato) dove dichiarava che la seduta straordinaria non poteva essere ne convocata né esercitata, informa l’assemblea che ha presentato formale querela alla polizia tributaria di Livorno querela che sarà integrata con il verbale dell’assemblea ed il Comune di Livorno impugnerà tutto quanto emesso dall’assemblea riservandosi il diritto di recesso da Retiambiente e la richiesta del pagamento di eventuali danni.

m5stellari

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “ADESSO CHE C’È IL M5S LA MUSICA È CAMBIATA!

  1. Walter Meini

    da 25 anni il nostro comune ha l’assessorato all’ambiente con tanto di assessore incaricato ma nessuno di questi, dal Quinti ad oggi, non è stato e non è nè degno, nè capace di svolgere il compito che gli è stato affidato. ED IL DEGRATO CHE CI CIRCONDA LO DIMOSTRA!

     
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *