QUESTO TUBONE S’HA DA FARE ???

Vota

 VASCHE1-490x262

Ridendo e scherzando il tubone è ormai fra noi.

Finiti i bagordi del periodo carnevalesco con tanto di autoelogio da parte del comune torniamo a fare i conti con quella realtà di sconvolgimento ambientale con la quale ci stiamo scontrando da vari anni nel nostro territorio e che riguarda la nostra salute di abitanti del comprensorio.

Dopo la triste vicenda del pirogassificatore tanto caro al presidente uscente e auguriamoci non rientrante Rossi, assistiamo ad un altro scenario ancora più drammatico di quello ma ad esso sicuramente legato e che sta sempre più prendendo forma. Ecco l‘opera, da più di 200 milioni, del “TUBONE”, che porterà nei depuratori della nostra zona un autentico Rio della “cacca”, pagata con fondi pubblici e con le nostre future bollette idriche, quindi a carico del contribuente.

La scorsa settimana sono state inaugurate tre nuove vasche, presso il depuratore di Santa Croce, che serviranno ad accogliere i liquami di questo dispendioso progetto.

A questa cerimonia era presente anche lui, il nostro “caro” presidente, quello più amato di Italia secondo la stampa di regime, ma sicuramente non qua, dopo la vicenda del pirogassificatore,

Costui  si gonfiava il petto per elogiare  l’ennesima opera ad enorme impatto ambientale sul sistema idrico di tre provincie e sul PADULE di Fucecchio.

Pensare che Rossi quando era di sinistra era pure ambientalista.

Vorremmo però sapere a questo punto dove sono i nostri amministratori locali? Cosa pensano di questa costosissima opera che sarà un altro durissimo colpo alla zona del Cuoio aumentando il carico del depuratore e dell’ecoespanso degradando la qualità dell’aria che respireremo, già ora inquinatissima e puzzolente?

Qui fra qualche anno saremo pieni di vasche e pirogassificatori che tratteranno questi rifiuti liquidi provenienti dall’intera Val di Nievole e da altre zone come l’empolese e la Val d’Era, rendendo la nostra zona la valle della puzza, molto di più di come lo è adesso.

Quindi cari amministratori locali cosa pensate di fare? Continuare a tesser lodi sui giornali a somiglianza del vostro supremo condottiero di Rignano, per eventi semplici e di normale amministrazione, oppure pensate di prendere sul serio quanto stiamo denunciando per il bene comune?

Noi, mestamente pensiamo che, continuerete ad eseguire gli ordini che vengono dall’alto del vostro partito e che vi impongono di non ostacolare alcuno dei progetti che hanno messo in cantiere, costi quello che costi.

Purtroppo conosciamo bene la filosofia del moderno politico di partito: meglio una poltrona oggi che il bene dei cittadini domani.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *