C’E’ TASI E TASI !!!

Vota
Imposte Imu e Tasi, rincari e previsioni: ecco cosa pagheranno gli italiani

Imposte Imu e Tasi, rincari e previsioni: ecco cosa pagheranno gli italiani

In generale, la TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) è dovuta dai possessori di prima casa ed è calcolata in base al tipo di immobile. Questo calcolo non è però uguale per tutti comuni, nemmeno per quelli confinanti. La base di partenza è la rendita catastale dell’immobile, che non è direttamente collegata al suo valore di mercato, ma per ragioni storiche molto complesse, può anche essere molto diversa per i vari comuni. Per poter fare dei confronti oggettivi abbiamo provato a calcolare la TASI per uno stesso immobile in vari comuni e il risultato lo riportiamo nella tabella seguente. Per fare il calcolo è stato usato un software disponibile negli studi commerciali, quello usato da tutti i professionisti per calcolare la tassa ai cittadini.
TASI3-490x346
Abbiamo scelto di partire da un appartamento di civile abitazione non di lusso, categoria A2-2, di 4 vani tipo cucina-soggiorno, 2 camere e bagno (prima riga). A Castelfranco ci sono rendite molto alte: l’appartamento preso ad esempio ha la rendita paragonabile a quella di un ugual appartamento posto a Forte dei Marmi (colonna 2). Oltre al valore alto della rendita, l’Amministrazione del nostro comune ha deciso di applicare l’aliquota massima concessa: il 3,3‰ (2,5‰ +0,8‰) (colonna 3). Dal calcolo si ottiene la TASI lorda (colonna 4) cui vanno applicate le eventuali detrazioni stabilite nei vari comuni e correlate al valore della rendita catastale dell’immobile (colonna 5). Il risultato è la TASI dovuta (colonna 6), calcolata per uno stesso appartamento posto nei vari comuni come riportato nella tabella. L’appartamento preso ad esempio: paga € 210,00 a Castelfranco di Sotto, € 113,14 a Santa Maria a Monte, € 29,93 a Santa Croce, € 20,58 a San Miniato e ZERO a Montopoli. Le eventuali detrazioni per figli o reddito ISSE, decise dai vari comuni in base alla categoria di occupante l’immobile, non sono riportate in questo calcolo. Volendo dare un valore generale ed esplicativo al calcolo non è stato possibile inserire tutte le variazioni e i casi possibili. Quindi, il valore calcolato di TASI, potrebbe essere inferiore se per esempio ci sono figli a carico o situazioni particolari. In ogni caso, anche calcolando le eventuali detrazioni, la stessa famiglia (quindi con le stesse eventuali detrazioni) per un appartamento posto a Castelfranco di sotto pagherebbe di più di uno posto nei comuni dove si paga già poco (come Santa Croce e Fucecchio) o dove non si paga niente (come Montopoli). Il dato certo e inconfutabile è comunque che: i cittadini e proprietari di immobili di Castelfranco di Sotto pagano molto di più di quelli dei comuni confinanti. I servizi indivisibili (la manutenzione dei parchi, delle strade, delle piazze, l’illuminazione pubblica ecc.) forniti dall’amministrazione in cambio della TASI, sono di primo ordine? No! Le manutenzioni ordinarie e straordinarie sono tangibilmente insufficienti e l’amministrazione sostiene di non aver introiti a sufficienza per fornire quei servizi. E negli altri comuni con TASI più basse, i servizi indivisibili sono indecenti? Apparentemente no: le strade non cadono a pezzi, i parchi e le piazze sono ben tenuti e puliti. E’ proprio una fortuna avere una casa a Castelfranco di Sotto invece che a Montopoli, o Santa Croce! NON AVREMMO I SERVIZI MIGLIORI MA ABBIAMO LA TASI PIU’ ALTA! GRAZIE AMMINISTRAZIONE DI CENTRO SINISTRA, PRESENTE O PASSATA DEGLI ULTIMI VENTI ANNI.
TASI2b-490x346
TASI1b-490x346
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *