La democrazia delle Primarie, ma intanto l’Italia affonda

Vota

primarie_pd_3-490x306

Adesso l’Italia può essere fiera di sè.

Finalmente si è conclusa la fatidica settimana delle primarie del PDmenoelle che ha consacrato il suo leder maximo papa Bersani.

Abbiamo assistito ad un tutti pazzi per le primarie”, intere reti televisive monopolizzate dal Pdmenoelle.  Su Rai3 la domenica delle primarie è stato rinviato anche Report, meglio così perchè a volte dice cose poco gradite anche in casa sua. Siamo stati sommersi dai proclami entusiasti del nostro centrosinistra, che ci ha dato a tutti una “lezione di democrazia”… o di potere, tanto per farci capire chi comanderà in Italia prossimamente, punti di vista.

Ma nel frastuono “progressista” sono successe alcune cose molto importanti secondo noi Fiat Industrial se ne va all’estero con la fusione di CNH, andrà a stabilirsi in Olanda dove pagherà meno tasse sugli utili. Grazie anche alle leggi fatte da B. senza tanta opposizione dell’altro B. (quello più progressista), spostare la sede amministrativa in un altro stato non costa più di tanto. Il caro Marchionne dopo aver piegato a 90° i lavoratori in Fiat e aver spianato la strada a farlo in tutta Italia e dopo che Fiat ci è costata varie finanziare per sostenerla negli scorsi decenni, ci ha dato il ben servito e ce lo continuerà a dare dopo aver spostato i mezzi industriali toccherà poi all’auto.

É sì, lui Marchionne noi minchioni e senza la “m” maiuscola.

L’ILVA ha rischiato seriamante di avviarsi verso la chiusura con danni ingenti al nostro comparto produttivo metalmeccanico , grazie all’assenza della politica locale e nazionale che ha fatto di quello stabilimento una fabbrica di morti.  Ma Vendola dove stava, pensava già alle primarie?

E anche qua da noi è successo qualcosa, la Waste ha acceso il suo forno per 18 pizze(come lo definì La Repubblica Firenze un anno fa), anche se come dicono loro, solo a gas e per collaudo, chi lo sa forse lo hanno fatto distrattamente mentre pensavano se avrebbe vinto Renzi “il sindaco fantasma” o Bersani. Ma non è stata una svista dato che la prova è stata lunga ma a freddo per portare il materiale in temperatura…ma cos’è un surgelatore per portare il materiale in temperatura a “freddo”? Quindi 18 pizze surgelate? Inoltre hanno usato la combustione di gas e ci vengono a dire che è stato emesso solo vapore acqueo, sarei curiose di vedere le vecchie pagelle del Giani e del Signorini per sapere che voto avevano in chimica,la CO2 e le altre sostanze frutto della combustione del metano dove le mettete? Probabilmente  pensavano al ballottaggio quando hanno fatto il comunicato stampa. Invece a cosa pensavano all’ARPAT quando nella loro comunicato sul sopralluogo alla Waste hanno detto “tale operazione non appare in contrasto con la decisione presa dal Consiglio di Stato di sospensione del funzionamento dell’impianto stesso” a qualche avviso di garanzia arrivato in regione? Ma cosa importa, adesso ciò che conta è la “lezione di democrazia” dataci dal PD.                                                                                                                                                               Dulcis in fundo il Pdmenoelle ma sempre con più soldi, con la scusa dei 2 € ha intascato più di 6.000.000 di € ,pagare per votare? Già e meno male che la spesa l’hanno fatta pagare solo ai loro elettori e non a tutti noi con i finanziamenti pubblici . 

Ma ormai siamo nell’Italia pre-feudale di cosa meravigliarsi? Adesso ci dicono che la democrazia costa e bisogna pagarla, domani magari ci diranno che costa troppo e non ce la possiamo più permettere, così come sta avvenendo per la sanità.

Meditate elettori meditate, soprattutto voi che oltre a pagare per votare siete disposti a fare lunghe file ai seggi di partito per indicare chi dovrà governare l’Italia ma senza poterla cambiare, visto che i nostri destini futuri li decide la finanza mondiale.

 

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “La democrazia delle Primarie, ma intanto l’Italia affonda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *