Pirogassificatore la lotta continua

Vota

rossono ercolini pirogassificatore castelfranco
E’ sicuramente curiosa la reazione dei vertici di Waste Recycling alla sentenza del Consiglio di Stato. Lo stop di fatto, che rimanda la decisione definitiva al Tar, sull’accensione di un impianto la cui costruzione può essere comunque ultimata è stato letto con parole di grossa soddisfazione da un’azienda che ha parlato di sperimentazione comunque possibile tramite l’utilizzo delle biomasse.
Ma la sentenza è chiara “accoglie l’istanza cautelare in primo grado nella sola parte relativa all’attivazione dell’impianto di cui si tratta, escludendo l’effetto inibitorio del completamento della struttura.”
Quindi non può essere attivato fino all’effettiva decisione del Tar, biomasse incluse, e su questa verità ribadita sosteniamo la lotta del Comitato, del Comune di Castelfranco di Sotto, di Rifondazione Comunista e dei FIRMATARI che oggi aggiungono un tassello di ragione a questo faticoso cammino. Notiamo che anzi, la motivazione dell’ordinanza amministrativa che vedeva i progetti preliminari e definitivi discordanti non è stata modificata, lasciando aperte le speranze per una decisione finale favorevole allo smantellamento della struttura.
E’ obbligatorio quindi domandarsi per quale motivo, di fronte ad un documento di sentenza così esplicito, l’azienda possa cantare vittoria sulle principali testate giornalistiche locali, aprendo di fatto il campo ad un inquinamento mediatico veramente sconcertante.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *